sabato 14 luglio 2012

Erase Paste — Recensione sul celebre correttore e illuminante della Benefit.

Oggi riesco finalmente a scrivere una recensione su questo correttore prodotto dalla Benefit e reso celebre soprattutto grazie a Clio e al suo programma televisivo. Sto parlando dell'Erase Paste, un correttore/illuminante prodotto dalla casa cosmetica di San Francisco.
Il mio primo rapporto con la Benefit non è stato dei migliori (potete leggere la mia recensione in cui non parlo affatto bene della Instant Brow) ed ero veramente indecisa sul fare o meno questo acquisto, anche perché il prezzo non è basso, costando la bellezza di 25.50€!

Alla fine mi sono decisa a comprarlo e - dopo più di un mese di prova - posso affermare che questo è stato un buon acquisto! Entrata da Sephora con le luci puntate contro e il caldo terribile (ed era ancora maggio!) ho trovato difficile l'applicazione del prodotto: tra sudore e specchio ingranditore non riuscivo a capire se fosse stato meglio prendere la colorazione 01 o la 02. Non ancora propriamente decisa (andavamo di fretta e mia madre ogni due minuti diceva di uscire da quel forno, eheh!) ho afferrato la confezione medium e l'ho comprata.

Il barattolo, contenente 4,40 grammi di correttore, può sembrare davvero piccolo per l'elevato prezzo di listino ma basta una minima quantità di prodotto per coprire le occhiaie e i brufoletti, quindi non fatevi ingannare!
Lo applico sia picchiettando con le dita che col pennello piatto da correttore n.144 della Zoeva. Sappiate che l'applicazione non è delle più semplici, infatti dovete lavorarlo bene per non far notare chiazze arancioni sparse sul vostro volto. I primi giorni chiedevo alle mie amiche se l'avevo applicato nel giusto modo o meno XD


Che dirvi di più, appena steso il prodotto (forniscono una spatolina per stenderlo, ma a me non piace e l'ho addirittura persa!!) le mie occhiaie erano visibilmente diminuite e il mio sguardo era più luminoso grazie proprio a questo Erase Paste! 
La durata non è malvagia, quando non c'è caldo mi dura dalle 4 alle 6 ore.

Dopo avervi scritto tutti i pregi, passiamo ai difetti, la parte che potrebbe interessarvi maggiormente! I difetti sono sostanzialmente due. Il primo e spiacevole inconveniente lo si può notare dopo diverse ore dall'applicazione. Il correttore - se messo in quantità abbondante - steso sulle occhiaie tende ad infilarsi nelle rughe d'espressione, creando una ruga che magari non si era mai vista prima d'ora. Come vi ho già detto, tendo a mettere poco prodotto per non dare un effetto troppo marcato, ma quando decido di metterne di più per far sparire completamente gli aloni neri riesce a peggiorare la situazione!
Il secondo importante difetto è quello di rendermi la pelle lucida. Non ho la pelle grassa, ma il correttore tende a crearmi proprio quest'effetto. Ho tentato di mettere la Mineral Booster della ELF, ma - pur essendo trasparente, bah! - scurisce il colore del correttore che non diventa più adatto alla mia pelle. Passato questo gran caldo, ho intenzione di provarlo con la cipria Cannes della NeveMakeup. Vi terrò informate!

Come potete intuire dalla penultima frase, soprattutto con questo gran caldo ma generalmente d'estate, evito di mettere il correttore e altri prodotti che potrebbero appesantire la mia pelle. Preferisco farla respirare e decido di truccarmi solo per delle cene o serate importanti, nulla di più.

Passiamo ora ad analizzare l'INCI, che è PESSIMO come tutti quelli della Benefit!! Non mi ero accorta che il primo posto c'era il Petrolatum, non sono una fissata col bio ma i primi due ingredienti sono rossi e non mi piace molto come cosa…
Petrolatum, Lanolin, Isopropyl Palmitate, Paraffin, Euphorbia Cerifera (Candelilla), Wax Glycine Soja (Soybean), Oil Tocopherol, Propylparaben, Retinyl Palmitate.
[+/-: Titanum Dioxide (CI 77891), Iron Oxides (CC 77491, CI 77492, CI 77499)]

Considerazioni finali: se non siete fissati col bio, consiglio di prendere questo prodotto. Ci sono tre varianti che si adattano perfettamente a tutte le carnagioni!
Se invece siete fissate col bio e avete sempre aperto il sito del Biodizionario, allora mi sento di sconsigliarvelo, visto che dei primi quattro ingredienti, tre sono rossi.

Personalmente, non so se lo ricomprerò, voglio sperimentare altri correttori per vedere se c'è quello PERFETTO che non mi entra nelle pieghe dopo qualche ora ma che compre benissimo come l'Erase Paste.

È la prima volta che scatto le foto per il blog con la mia nuova Nikon, come vi sembrano? :)


2 commenti:

Marilena Coco ha detto...

mmmmmh sono sempre più indecisa se comprarlo o meno...
nuova iscritta ;)

gaiachan ha detto...

Mhm, ultimamente ho abbandonato questo correttore. Paradossalmente mi trovo meglio con quello della Kiko (presente nella palette di correttori): si stende più facilmente, dura fino a 6 ore, non entra nelle pieghe, costa la metà!

Posta un commento

© 2011 MAKE YOUR BEAUTY UP, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena